POTENZIALI RISCHI DA RIFIUTI, ACCORDO REGIONE, MINISTERO, ORDINE MEDICI PER CORRETTA INFORMAZIONE
L’Assessorato regionale alla Sanità, il ministero del Lavoro, Salute e Politiche sociali (Dipartimento della prevenzione e della comunicazione) ed i 5 Ordini provinciali dei medici chirurghi ed odontoiatri hanno sottoscritto una intesa per una corretta informazione ai cittadini sui potenziali rischi derivanti dai rifiuti.
Il progetto prevede un percorso formativo, della durata di un anno, destinato ai medici di medicina generale ed ai pediatri di libera scelta, con lo scopo di arricchire il bagaglio di competenze ed informazioni in possesso dei medici campani riguardo a:
– la corretta gestione dei rifiuti;
– i rischi per la salute connessi alla gestione dei rifiuti solidi urbani, inclusi i rischi da discariche ed inceneritori;
– lo stato di salute dei cittadini in Campania, così come emerge dai dati dei sistemi di sorveglianza gestiti dal sistema sanitario regionale;
– l’efficacia di una corretta comunicazione.
I contenuti scientifici del programma, concordati con gli Ordini dei Medici della Campania, sono stati approvati da esperti dell’Istituto Superiore di Sanità e dall’Osservatorio Epidemiologico Regionale della Campania.
Il percorso si articola in due fasi, la prima rivolta ai neoformatori (medici igienisti ambientali ed epidemiologi delle Asl campane, medici indicati dagli Ordini professionali e rappresentanti dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta), la seconda coordinata dall’Assessorato alla Sanità e gestita localmente dalle Aziende Sanitarie campane in collaborazione con gli Ordini dei Medici.

RIFIUTI, GANAPINI: “SIAMO AL FIANCO DI BERTOLASO PER GESTIONE EFFICIENTE DEI CDR”
“La Regione Campania è al fianco del governo per garantire una nuova e migliore gestione ai sette impianti cosiddetti Cdr dopo il ritiro di Fibe”. Con queste parole l’assessore all’Ambiente della Regione Campania, Walter Ganapini, ha assicurato massima collaborazione al sottosegretario ai Rifiuti, Guido Bertolaso, nel corso di una riunione tenutasi oggi a Roma alla presenza del presidente della commissione Ambiente della Camera, on. Angelo Alessandri.
Ganapini ha dunque manifestato a Bertolaso la piena disponibilità della Regione Campania ad una comune azione che porti a coinvolgere, nella più piena trasparenza, i migliori gruppi industriali italiani, privati e pubblici, affinchè sia garantita una gestione efficiente degli impianti stessi.
Ganapini ha infine concordato con Bertolaso l’immediato avvio di un comune tavolo tecnico che integri operativamente l’uscita dalla crisi con la gestione ordinaria dei rifiuti.
“Questo – ha ricordato Ganapini a Bertolaso – fu l’approccio che consentì a Milano di uscire da un’analoga emergenza consentendo alla città di divenire poi modello per l’Europa”.

REGIONE CAMPANIA. COMUNICATI UFFICIO STAMPA DEL 29 MAGGIO 2008

——————-

Rifiuti, al via Forum regionale.
Si è insediato questa sera, presso palazzo Santa Lucia, il Forum regionale sul ciclo dei rifiuti, promosso dall’assessore regionale all’Ambiente, Walter Ganapini.
Coordinata da Guido Viale, la prima riunione ha visto la partecipazione dei rappresentanti di oltre 40 tra enti locali, associazioni di categoria e del territorio tra cui gli assessori della Provincia di Caserta, Mariacarmela Caiola e della Provincia di Salerno, Angelo Paladino, i delegati degli altri assessorati provinciali al ramo; il commissario del Consorzio Napoli 3 e 4, prefetto Francesco Forleo, i sindaci di Caivano (Giuseppe Papaccioli), di Villa Literno (Enrico Fabozzi) e Mercato San Severino (Giovanni Romano) anche in rappresentanza dell’Anci, il direttore della Coldiretti, Vito Amendolara, la rappresentante di Confindustria e i delegati di Cgil, Cisl, Uil, Ugl, nonché di tutte le principali associazioni di cittadini del territorio, inclusi quelli di realtà oggi al centro dell’attenzione.
“Obiettivo del Forum, è promuovere la partecipazione democratica al processo di riorganizzazione del ciclo dei rifiuti in Campania, garantendo – ha dichiarato l’assessore Ganapini – la massima informazione e trasparenza nel processo di gestione”.
“E’ necessario – ha sottolineato Guido Viale nella sua introduzione – concentrare l’attenzione su proposte praticabili e sugli strumenti per attuarle, in modo da raggiungere in questa prima fase elevati livelli di riduzione dei rifiuti e di raccolta differenziata”.
Dagli oltre 20 interventi, è emerso il riconoscimento al Forum di importante strumento di partecipazione e condivisione del processo.
Tra i temi emersi dal dibattito, quelli delle bonifiche e dell’uso del compost sia a fini agricoli che di risanamento ambientale, la richiesta di una verifica del dimensionamento degli impianti di smaltimento finale, l’individuazione di azioni concrete per la riduzione della produzione di rifiuti e il raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata.
Il Forum si riconvocherà tra quindici giorni circa con il seguente ordine del giorno: la definizione dell’agenda dei lavori, la verifica dello stato della raccolta differenziata in tutti i principali comuni della regione, le modalità di accesso ai documenti di programmazione.

REGIONE CAMPANIA. COMUNICATO UFFICIO STAMPA DEL 28 MAGGIO 2008


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.