ARRESTI CLAN GIONTA, VALIANTE: “BRILLANTE OPERAZIONE DELLE FORZE DELL’ORDINE”
“Gli arresti di stamattina di numerosi esponenti di spicco del Clan Gionta rappresentano un altro durissimo colpo inferto alla criminalità organizzata”.
Questo il commento del vicepresidente della Regione Campania ed assessore alla Sicurezza delle Città Antonio Valiante sull’operazione condotta stamani a Torre Annunziata.
“Quest’ennesimo, brillante risultato conferma che la camorra si sconfigge quando le istituzioni fanno sistema. Bisogna andare avanti su questa strada ed intensificare l’impegno comune per riportare la legalità sui territori e nelle città minacciate dalla criminalità”.
REGIONE CAMPANIA. COMUNICATO UFFICIO STAMPA DEL 4 NOVEMBRE 2008

—————-
SANITA’, APPROVATO IL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE
LE ASL SCENDONO DA 13 A 8, RIDOTTI I DISTRETTI DI BASE, RIORGANIZZATA LA RETE OSPEDALIERA, SI PUNTA SULLA QUALITA’
La Giunta Regionale, su proposta dell’assessore alla Sanità Angelo Montemarano, ha approvato la delibera di riorganizzazione della rete ospedaliera campana.
Il Piano di riorganizzazione prevede:

1. L’accorpamento delle aziende sanitarie, che passeranno da 13 ad 8 entro il 30 giugno 2009. Nelle province di Avellino, Benevento e Caserta è prevista la presenza di un’unica azienda sanitaria, due nella provincia di Salerno e tre nella provincia di Napoli. Conseguentemente, saranno ridotti di almeno 50 unità gli incarichi dirigenziali in funzionale apicale.
2. La riduzione del numero dei distretti di base. Verrà individuato un distretto sanitario ogni 120.000 abitanti nelle aree urbane e ogni 70.000 nelle zone a bassa densità, nelle isole e nei territori montani. Verranno aboliti i Comitati Tecnici Provinciali previsti dal precedente piano ospedaliero e calerà sensibilmente il numero dei Direttori di struttura complessa territoriali.
3. Riorganizzazione e riqualificazione della rete ospedaliera, innanzitutto con il potenziamento delle aziende di rilievo nazionale dove è presente una breast-unit. È inoltre prevista in ogni provincia una rete dell’emergenza basata sui grandi ospedali, dove effettuare tutti gli interventi necessari. A queste strutture farà riferimento una rete di ospedali per casi di minore entità. Gli altri ospedali non inseriti nella rete dell’emergenza saranno convertiti in strutture residenziali dedicate ad assicurare l’assistenza per i nuovi bisogni e le nuove cronicità (potenziamento rete della riabilitazione, ospedali del territorio e di comunità).
4. Accelerazione della verifica dei requisiti di qualità delle strutture sanitarie che hanno richiesto il passaggio all’accreditamento definitivo. Le procedure previste permetteranno il rapido accertamento e il definitivo accreditamento solo per quelle strutture che hanno i requisiti di qualità definiti. Per i lavoratori delle strutture non in regola viene introdotta una norma di salvaguardia.
Il piano di razionalizzazione, nei prossimi giorni, approderà in Consiglio regionale per la definitiva ratifica.
“Si tratta di un provvedimento importante – ha commentato l’ass. alla Sanità Angelo Montemarano – che tiene conto delle istanze giunte dal territorio, ma che, al tempo stesso, non intacca l’avviato processo di razionalizzazione della rete ospedaliera. In altre parole, si coniugano efficienza, risparmio e migliore organizzazione degli ospedali al fine di garantire, sempre meglio, i livelli essenziali di assistenza” ha concluso Montemarano.

REGIONE CAMPANIA. COMUNICATO UFFICIO STAMPA DEL 31 OTTOBRE 2008


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.