BORSA DEL TURISMO: TESTIMONIANZE ARCHEOLOGICHE ORISTANESE A PAESTUM
(AGE) PAESTUM, Salerno – Si è svolto fino a domenica 20 novembre a Paestum, la Borsa del Turismo Archeologico. Protagoniste dell’VIII edizione, alcune delle principali testimonianze archeologiche dell’Oristanese sono protagoniste. Il nuraghe Losa, il tempio a pozzo di Santa Cristina, le terme romane di Forum Traiani, i compendi archeologici di Tharros e di Iloi, sono stati prescelti dal Gruppo di azione locale Montiferru Barigadu Sinis e dalla Provincia di Oristano che hanno curato l’allestimento di uno spazio nel padiglione interamente dedicato alla Sardegna e contraddistinto dallo slogan “Sardegna a cielo aperto”. Sono stati già più di duemila i visitatori interessati al patrimonio storico-artistico del territorio del Gal di inestimabile valore: nel giro di un centinaio di chilometri sono racchiuse infatti le principali tappe della storia archeologica isolana, dall’eta prenuragica, a quella nuragica fino, all’età fenicia e romana. “Con la nostra presenza a Paestum”, ha spiegato Battista Ghisu, presidente del Gruppo di azione locale Montiferru Barigadu Sinis, “abbiamo inteso promuovere un intero territorio che con le sue risorse culturali si presenta all’attenzione di un grande pubblico. L’iniziativa segue e completa il lavoro di promozione che vede insieme l’agroalimentare di qualità e le risorse culturali. Un mix che verrà annoverato all’insegna del marchio di qualità Terre di Shardana”. Grande soddisfazione è stata espressa anche dall’Assessore al Turismo e alla Cultura del Comune di Oristano Cristiano Carrus, presente alla manifestazione di Paestum nella giornata inaugurale: “Abbiamo ritenuto utile promuovere il territorio della nostra provincia in questa rassegna di settore”, ha dichiarato Carrus, “e in accordo col Gal MBS abbiamo messo in vetrina le nostre ricchezze culturali». Nello spazio espositivo i visitatori hanno potuto disporre di una ricca dotazione di materiale illustrativo che ha aiutato a conoscere i principali presidi culturali dell’Oristanese e che ha illustrato itinerari e iniziative con essi collegate. (AGE) -COM- AUR
UNIVERSITA’: MORATTI, DOTTORATO AGROBIODIVERSITA’ IN AIUTO PVS
(AGE) ROMA – L’Italia “esercita da tempo funzioni di paese leader in campo internazionale per il rinnovamento ecocompatibile ed ecosostenibile del settore agroalimentare” e “deve ulteriormente consolidare questa responsabilita’ internazionale”. Lo ha sottolineato il ministro dell’Istruzione, Letizia Moratti, nel suo intervento alla cerimonia di presentazione del secondo anno del dottorato internazionale di ricerca sulle risorse genetiche delle piante agrarie e forestali. Un dottorato, nato su proposta dell’ Accademia nazionale delle scienze e realizzato presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, la cui istituzione – ha aggiunto Moratti – “si pone proprio su questa strada”. “C’e’ bisogno – ha affermato il ministro – di un sistema di educazione, di istruzione e di alta formazione capace di formare capitale umano che, arricchito da esperienze internazionali, torni nel proprio Paese e contribuisca cosi’ alla crescita sociale, economica e culturale del Paese stesso”.”Accogliere con borse di studio e preparare e specializzare in strutture di eccellenza giovani studiosi provenienti da Paesi in sviluppo, rilasciando loro titoli riconosciuti e comprovati in base a ricerche ed esperienze nei vari indirizzi di studio per la salvaguardia e la valorizzazione della biodiversita’ agraria e forestale – ha aggiunto il ministro – assicura quella disponibilita’ e diffusione di competenze che e’ il primo requisito per avvicinarci agli obiettivi di sviluppo sostenibile, ormai da tanti anni segnalati nelle conferenze mondiali come indispensabili per il futuro dell’umanita””. Moratti ha quindi sottolineato con soddisfazione che sono gia’ 170 le domande di giovani ricercatori per poter seguire i corsi che stanno per iniziare. Alla cerimonia hanno partecipato, tra gli altri, il Presidente dell’Accademia nazionale delle Scienze, Gian Tommaso Scarascia Mugnozza e il Presidente della Scuola superiore Sant’Anna, Riccardo Varaldo. Ospiti in sala anche il Premio Nobel Rita Levi Montalcini, il presidente emerito della Consulta Giovanni Conso, diplomatici italiani e stranieri ed esponenti di enti di ricerca. Un telegramma di saluto e’ stato inviato dal Presidente della repubblica, Carlo Azeglio Ciampi. (AGE) RED-CENT


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.