Boom di domande per il Premio Sele d’Oro 2007

E’ un vero boom di domande quello che si sta registrando per il bando del Premio Sele d’Oro (www.seledoro.it), uno dei più importanti eventi culturali del Sud Italia supportato dal Consiglio Provinciale di Salerno presieduto da Carmine Pignata.
E sarà il 30 giugno l’ultimo giorno utile per l’invio alla giuria del Premio Sele d’Oro di saggi e servizi giornalistici incentrati sui problemi e sulle prospettive di crescita delle regioni meridionali, dell’Europa e dell’area del Mediterraneo, nonché dei progetti di sviluppo e iniziative imprenditoriali che appaiono dotati di elementi di originalità e replicabilità.

Giunta alla ventitreesima edizione, quest’anno il Premio Sele d’oro, patrocinato dalla Presidenza della Repubblica e in collaborazione con la SVIMEZ e con le Fondazioni Banco di Napoli, Mezzogiorno Europa e Sichelgaita, si articola in cinque sezioni.

La Sezione Saggi, riservata agli elaborati incentrati sui problemi istituzionale ed economici, la Sezione Euromed, dedicata a scritti inediti economici e sociali dell’Europa e dell’area del Mediterraneo, il Premio giornalistico “Michele Tito”, indirizzato ad un servizio giornalistico o radiotelevisivo, incentrato sulla realtà istituzionale, economica, sociale o culturale del Mezzogiorno, dell’Europa e dell’area del Mediterraneo. Nata, invece, per espressa volontà del Coordinamento dei Presidenti dei Consigli provinciali del Mezzogiorno, la sezione dedicata al Premio Bona Praxis, premia la migliore iniziativa, finalizzata allo sviluppo economico, sociale o culturale avviata nelle regioni del sud Italia. Ed infine la quinta ed ultima sezione rivolta all’ Imprenditoria Giovanile, alla quale partecipano le migliore idee innovatrici in campo imprenditoriale, provenienti dall’Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia o Sardegna.

Accanto alle due Sezioni, non mancheranno i premi speciali, assegnati dalla giuria di qualità, a persone o enti che nel corso dell’anno si sono distinti per idee e progetti d’avanguardia in ambito culturale.

Nato con l’intento di divenire centro di diffusione per una nuova idea di Meridionalismo, il concorso si prefigge lo scopo di valorizzare quelle che possono essere le potenzialità dei territori del Mezzogiorno, in campo sociale, economico e culturale. Naturalmente a far da cornice al concorso, ancora una volta, lo splendido paesaggio di Oliveto Citra, cittadina di circa quattromila abitanti, che sin dall’VIII è la culla della cultura letteraria del Sele.

Per ulteriori informazioni: Ente Premio Sele d’Oro, P.zza Garibaldi, 1 – 84020 Oliveto Citra (Salerno), tel. 0828 793632.

Ufficio stampa e relazioni esterne:
OCS Osservatorio comunicazione e società

Roberto Race ocspress@gmail.com
Giulia Velotti 335.5860787
Roberta Capone 349.5547593

SEGUE IL BANDO DI CONCORSO:
L’ Ente Premio Sele d’Oro e il Comune di Oliveto Citra (SA),
con il patrocinio della Regione Campania, della Provincia di Salerno, della CCIAA di Salerno, della Fondazione Sichelgaita

INDICONO
La XXIII edizione del “PREMIO SELE D’ORO MEZZOGIORNO”, articolato nelle sezioni

– SAGGI

– EUROMED (per i saggi inediti)

– GIORNALISMO (intitolato alla memoria del giornalista Michele Tito)

– BONA PRAXIS (dedicato ai progetti di sviluppo)

– IMPRENDITORIA GIOVANILE

1 – Finalità
Il Premio Sele d’Oro Mezzogiorno nasce per offrire un contributo fattivo alla diffusione di una nuova idea di Meridionalismo, che – pur rimanendo costantemente attenta all’analisi dei problemi e delle questioni che frenano o rallentano lo sviluppo – intende sottolineare ed esaltare le potenzialità dei territori del Mezzogiorno, i percorsi di sviluppo intrapresi, i risultati positivi conseguiti in campo sociale, economico e culturale, il desiderio di cambiamento espresso dalle giovani generazioni.
A tal fine, il Premio Sele d’Oro Mezzogiorno intende fornire un riconoscimento formale a saggi e servizi giornalistici incentrati sui problemi e sulle prospettive di crescita delle regioni meridionali nel contesto dell’Europa e dell’area del Mediterraneo, nonché a progetti di sviluppo e iniziative imprenditoriali che appaiono dotati di elementi significativi di originalità e replicabilità.

2 – Sezioni

2.A – Sezione Saggi
Euro 2.000,00 (duemila/00) per un saggio sui problemi istituzionali, economici, sociali, storici e giuridici del Mezzogiorno d’Italia, edito tra il 1 giugno 2005 ed il 31 maggio 2007.

2.B – Sezione Euromed – Saggi Inediti
Euro 2.000,00 (duemila/00) per un saggio inedito sui problemi istituzionali, economici e sociali dell’Europa e dell’area del Mediterraneo, di cui siano autori giovani che non abbiano compiuto il trentesimo anno di età alla data del 31 dicembre 2006. In caso di saggio curato da più autori, il parametro relativo all’età viene esteso all’intero gruppo di lavoro.

Sono ritenute candidabili anche tesi di laurea, tesi di dottorato di ricerca, tesi di specializzazione, testi elaborati nell’ambito di attività di ricerca promossa da università o istituzioni culturali italiane e straniere. La Giuria del Premio avrà facoltà di promuovere la pubblicazione del saggio risultato vincitore presso la Casa Editrice “Guida Editori”.

2.C – Premio giornalistico “Michele Tito”
Euro 2.000,00 (duemila/00) per un servizio giornalistico sulla realtà istituzionale, economica, sociale o culturale del Mezzogiorno, dell’Europa e dell’area del Mediterraneo.

Sono candidabili:
– uno o più articoli di analisi e commento firmati e pubblicati su quotidiani o periodici di stampa a diffusione nazionale tra il 1 luglio 2006 ed il 30 giugno 2007;

– uno o più servizi radiotelevisivi trasmessi su reti a diffusione nazionale, o prodotti per circuiti didattici o di home video, mandati in onda o immessi nei circuiti distributivi tra il 1 luglio 2006 ed il 31 maggio 2007.

2.D – Premio Bona Praxis
Istituito in collaborazione con il Coordinamento dei Presidenti dei Consigli provinciali del Mezzogiorno, intende offrire un formale riconoscimento a un’iniziativa finalizzata allo sviluppo economico, sociale o culturale avviata nelle regioni meridionali, caratterizzata da chiari e riscontrabili elementi di innovazione, efficacia e replicabilità.

Sono candidabili iniziative e progetti promossi da Comuni, Province, Regioni, Comunità montane e isolane, Enti Parco, Società di gestione di Patti territoriali – anche, eventualmente, promossi e/o realizzati in collaborazione con altri Enti, Governo nazionale, Unione Europea, organizzazioni sindacali o del Terzo Settore – avviati o realizzati in territori delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna. Sono da ritenersi candidabili, altresì, iniziative e progetti multiregionali o di ambito multinazionale, purché promossi – anche in partnership – da almeno un soggetto riferibile alla tipologia sopra citata, e operanti in almeno una delle regioni elencate.

Sono candidabili iniziative e progetti che abbiano completato le loro attività nel corso dell’anno 2006, o che si trovino in fase di attuazione alla data di pubblicazione del presente bando, e che abbiano trovato o trovino attuazione nell’ambito dei seguenti settori:

– Sviluppo locale
– Ambiente
– Servizi alla persona
– Promozione turistica
– Promozione culturale
– Legalità
– Incremento della partecipazione democratica
– Innovazione dei servizi ai Cittadini.

2.E – Sezione Imprenditoria Giovanile
Intende offrire un formale riconoscimento a un’iniziativa imprenditoriale promossa da giovani meridionali, che presenti elementi di originalità e innovatività. Possono presentare la propria candidatura ditte individuali, società cooperative, società di persone e società di capitali con sede legale e/o operativa in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia o Sardegna. Sono ritenute ammissibili proposte di candidatura presentate da soggetti d’impresa, riportabili alle categorie sopra menzionate, costituiti tra il 1 gennaio 2000 e il 31 dicembre 2006. Requisito indispensabile è che, alla data di costituzione, almeno 2/3 dei componenti la compagine sociale non avessero ancora compiuto il trentacinquesimo anno di età. In caso di ditte individuali, tale requisito riguarderà il titolare.

2.F – Premi Speciali Sele d’Oro Mezzogiorno
La Giuria si riserva la facoltà di attribuire uno o più Premi Speciali a persone, organizzazioni o enti che abbiano offerto – con idee o azioni – contributi particolarmente significati allo sviluppo culturale, sociale ed economico del Mezzogiorno, dell’Europa e dell’area del Mediterraneo.

3 – PRESENTAZIONE DELLE CANDIDATURE
La partecipazione è gratuita. I materiali di presentazione delle candidature dovranno essere contenuti in un’unica busta o pacco postale contenente, esclusivamente, i seguenti materiali:
* per la Sezione Saggi
– Domanda di Candidatura
– n. 5 copie del saggio
* per la Sezione Euromed
– Domanda di Candidatura
– n. 5 copie del manoscritto inedito in formato cartaceo
* per il Premio giornalistico “Michele Tito”
articoli pubblicati in forma cartacea
– Domanda di Candidatura
– n. 5 copie fotostatiche dell’articolo/i candidato/i
– dichiarazione, a firma dell’autore o degli autori, indicante testata e data/e di pubblicazione
servizi radiotelevisivi
– Domanda di Candidatura
– n. 5 copie del servizio/i candidato/i (in formato DVD per produzioni audiovisive, in formato CD per produzioni radiofoniche)
– dichiarazione, a firma dell’autore o degli autori, indicante la testata per la quale i servizi sono stati mandati in onda e data/e di emissione
prodotti audiovisivi distribuiti in home video
– Domanda di Candidatura
– n. 5 copie in formato DVD
– dichiarazione, a firma dell’autore o degli autori, indicante l’editore del prodotto audiovisivo e la data d’inizio della distribuzione
Servizi e prodotti audiovisivi diffusi in lingua diversa da quella italiana dovranno essere sottotitolati o accompagnati da traduzione scritta.
* Premio Bona Praxis
– Domanda di Candidatura
Scheda Riassuntiva di Progetto, debitamente compilata e sottoscritta dal responsabile del progetto o da altra persona di riferimento
* Sezione Imprenditoria Giovanile
– Domanda di Candidatura
– Scheda di Presentazione Impresa, debitamente compilata e sottoscritta dal legale rappresentante
– dichiarazione del legale rappresentante attestante che, alla data del costituzione dell’impresa, almeno 2/3 dei componenti la compagine non avessero ancora compiuto il trentacinquesimo anno di età (la presentazione di tale dichiarazione non è necessaria in caso di ditte individuali) La documentazione dovrà essere inviata per posta, a mezzo raccomandata A/R, ove possibile a mezzo posta elettronica all’indirizzo email: segreteria@seledoro.it , entro e non oltre sabato 30 giugno 2007. I plichi andranno indirizzati a “Ente Premio Sele d’Oro – Piazza Garibaldi – 84020 Oliveto Citra (SA)”. Farà fede il timbro di spedizione.
Non saranno ammesse a concorso le domande prodotte con modalità diverse da quelle indicate, incomplete o consegnate dopo la scadenza, anche se la tardiva consegna fosse dovuta a cause di forza maggiore, caso fortuito o fatti imputabili a terzi.

N.B. – La Domanda di Candidatura, la Scheda Riassuntiva di Progetto (Sez. Bona Praxis), la Scheda di Presentazione Impresa e il modulo di attestante l’età dei componenti la compagine al momento della costituzione dell’impresa dovranno essere compilati utilizzando esclusivamente i formulari scaricabili dal sito www.seledoro.it

4 – GIURIALa Giuria del Premio Sele d’Oro Mezzogiorno 2007 è composta da: Prof. Amedeo Lepore (Docente Università degli Studi di Bari – Presidente); Dott. Achille Coppola (Presidente Ordine Dottori Commercialisti della provincia di Napoli); dott.ssa Paola De Vivo (saggista), Prof. Amedeo Di Maio (Preside Facoltà Scienze Politiche – Istituto Universitario Orientale Napoli); Prof. Giuseppe Foscari (docente Università degli Studi di Salerno); Dott. Andrea Geremicca (Direttore Rivista “Mezzogiorno Europa”); dott Diego Guida (Guida editore), Dott. Emanuele Imperiali (Giornalista Meridionalista); Dott. Mimmo Liguoro (giornalista, docente Scuola di Giornalismo Università di Salerno); Prof. Massimo Marrelli (Preside Polo Umanistico – Università Federico II Napoli); Prof. Luigi Mascilli Migliorini (Docente Istituto Universitario Orientale Napoli); Prof. Eugenio Mazzarella (Preside Facoltà Lettere e Filosofia – Università Federico II Napoli); Dott. Carmine Pignata (Presidente Consiglio Provinciale di Salerno); prof Mario Raffa (docente Università di Napoli Federico II), Dott. Alfonso Ruffo (Direttore quotidiano economico “Il Denaro”); Dott. Luigi Vicinanza (Direttore quotidiano “Il Centro”); Dott. Giovanni Vietri (Presidente Fondazione Salernitana Sichelgaita), prof Giovanni Vitolo (docente Università di Napoli Federico II)

Per l’assegnazione del Premio Bona Praxis, la Giuria sarà integrata dai componenti del Coordinamento dei Presidenti dei Consigli Provinciali del Mezzogiorno.
La Giuria si riserva la facoltà di interloquire in fase di preselezione con i partecipanti circa gli aspetti pratici e/o di dettaglio non sufficientemente esplicitati negli elaborati. La decisione della Giuria è inappellabile. Qualora nessun elaborato o opera fosse ritenuta adeguata, la Giuria ha la facoltà di non individuare un vincitore, descrivendo a verbale le motivazioni. La Giuria ha il diritto di decisione finale su tutto quanto non specificato nel presente bando.

5 – PREMIAZIONI
I vincitori riceveranno comunicazione scritta delle decisioni assunte dalla Giuria. La cerimonia di consegna dei premi Sele d’Oro Mezzogiorno 2007 si terrà a Oliveto Citra (Sa) nella serata di sabato 15 settembre 2007. Spese di viaggio e soggiorno dei premiati restano a carico dell’Ente Premio Sele d’Oro.

6 – PUBBLICITA’
Il presente bando sarà pubblicato sul sito www.seledoro.it e sui siti istituzionali del Comune di Oliveto Citra e della Provincia di Salerno. Copie elettroniche dello stesso potranno essere inviate a università, amministrazioni locali e regionali, Ordine nazionale e ordini regionali dei Giornalisti. Sul sito www.seledoro.it saranno inoltre resi disponibili:
– domanda di candidatura
– scheda riassuntiva di progetto (Sez. Bona Praxis)
– scheda di presentazione impresa
– modulo di attestante l’età dei componenti la compagine al momento della costituzione dell’impresa.

7 – CLAUSOLE FINALI
I concorrenti si rendono garanti dell’originalità delle opere presentate a concorso e della veridicità delle informazioni fornite nelle dichiarazioni accluse alla domanda di partecipazione. Il materiale inviato dai partecipanti non sarà restituito e resterà nell’Archivio del Premio. La partecipazione al concorso implica l’accettazione incondizionata da parte dei concorrenti di tutte le clausole e indicazioni contenute nel presente bando.
Il Presidente dell’Ente Premio Sele d’Oro Dr. Gianfranco Cimmino


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.