2) A.N.F.O Via Ponticelli, 15 – 82100 Benevento – www.anfonet.org
Al Convegno su “Le biomasse agroindustriali nel piano agroenergetico regionale” organizzato dall’Associazione Nazionale dei Frantoi Oleari, l’assessore regionale all’Ambiente, Luigi Nocera ha annunciato che la settimana prossima sarà portato in Giunta il disciplinare che regolamenta l’utilizzo delle acque reflue di vegetazione dei frantoi oleari.
L’approvazione di un regolamento che detti regole certe per i frantoi era stata sollecitata dal presidente Anfo, Carmine Borreca alla presenza dell’assessore Nocera, in occasione di un convegno sull’utilizzo agronomico delle acque, tenutosi a Morcone, durante l’edizione della fiera del 2005.
Soddisfatto di questo primo risultato raggiunto grazie alla collaborazione con l’Assessorato regionale all’Ambiente, il presidente Borreca, guarda oltre, consapevole che il disciplinare non risolve il problema dello smaltimento delle acque reflue e propone che con dei microprogetti pilota, a partire già dalla prossima campagna olearia, si inizi a sperimentare come trasformare le acque di vegetazione da problema in risorsa.
“Sicuramente, nella costituzione di filiere agro-energetiche, che prevede il piano energetico regionale – ha affermato il presidente dell’Anfo, Borreca- non si potrà non tenere conto che i circa 500 frantoi oleari attivi in Campania possono rappresentare una risorsa fondamentale per lo sviluppo di politiche energetiche alternative. I frantoi oleari, infatti, sono produttori e detengono il 20% delle biomasse preventivate in Campania dal Forum regionale Energia e Ambiente”.
L’assessore Nocera ha sottolineato l’importanza che la Campania attui una politica mirata che possa soddisfare le esigenze energetiche regionali. “La nostra Regione– ha affermato Nocera- importa l’80% del suo fabbisogno energetico. Dobbiamo dare un’accellerazione alle politiche regionali per l’energia alternativa, che potrà darci notevoli vantaggi economici e sociali, considerato che potremo in molti casi produrre energia da scarti di produzione. In questa operazione l’Assessorato all’Ambiente cammina di concerto con l’Assessorato alle Attività Produttive per difendere e tutelare il territorio”. Nocera ha raccolto la proposta di Borreca di iniziare a lavorare su dei progetti pilota da attuare già dalla prossima campagna olearia.
Gennaro Masiello, presidente regionale della Coldiretti, ha ringraziato l’Anfo per aver promosso un momento di confronto sull’agrienergia e ha sottolineato come ci sia da un lato bisogno di fare chiarezza sul modello di sviluppo agricolo da adottare, tenendo in considerazione il ruolo di protagonista che nella filiera ha il consumatore; dall’altro c’è la necessità di sperimentare e di informare perché i consumatori e la società capisca che non ci sono secondi fini. “Bisogna creare opportunità per il nostro territorio- ha detto Masiello- facendo sistema”.
Nel merito del disciplinare sulle acque regole sono entrate le esperte del Sesirca: Flora Della Valle e Maria Rosaria Ingento che hanno raccolto le numerosi osservazioni dei frantoiani presenti.
Sull’importanza dell’agrienergia nella sua doppia accezione di fattore di integrazione del reddito agricolo e di volano di sviluppo e competitività per enti locali ed imprese sul territorio regionale si è soffermato l’arch. Eugenio Di Santo dell’Assessorato regionale alle Attività produttive.

ANFO Benevento, 6 marzo 2006
Filomena Marotta, addetta stampa Anfo
cell. 3332572199; e-mail: filomena.marotta@libero.it

1)Lunedì 6 marzo, a Benevento, alle ore 11 convegno su “Le biomasse agroindustriali nel piano agroenergetico regionale”. Interverranno l’assessore regionale all’Ambiente, Luigi Nocera, il presidente della Provincia, Carmine Nardone. Chiuderà i lavori l’on. Clemente Mastella.

Lunedì 6 marzo, convegno su “Le biomasse agroindustriali nel piano agroenergetico regionale”.
L’Agrienergia ovvero la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, nella sua doppia accezione di fattore di integrazione del reddito agricolo e di volano di sviluppo e competitività per enti locali ed imprese sul territorio regionale, sarà il tema del convegno promosso dall’Associazione Nazionale Frantoi Oleari, che si terrà il 6 marzo alle ore 11, a Benevento presso il Centro provinciale per l’impiego, in via XXV Luglio, 14.
L’incontro risponde all’esigenza molto sentita dalle imprese agricole di capire in che modo e i tempi che si prevedono per l’attivazione sul territorio dei distretti agroenergetici.
“Un ruolo importante – ha affermato Carmine Borreca, presidente dell’Anfo- nel piano agrienergetico regionale sarà riservato alle Comunità montane. Sicuramente, nella costituzione di filiere agro-energetiche non si potrà non tenere conto che i circa 500 frantoi oleari attivi in Campania possono rappresentare una risorsa fondamentale per lo sviluppo di politiche energetiche alternative. I frantoi oleari, infatti, sono produttori e detengono il 20% delle biomasse preventivate in Campania dal Forum regionale Energia e Ambiente”.
Al convegno intervengono: l’assessore regionale all’Ambiente, Luigi Nocera,
il presidente dell’Amministrazione provinciale di Benevento, Carmine Nardone,
il presidente della Coldiretti regionale, Gennaro Masiello,
il presidente della Cia provinciale, Aurelio Grasso
il presidente della
Confagricoltura provinciale, Severino Ranaudo.
Relazioni sulla tematica del Convegno di esperti del Sesirca e dell’arch. Eugenio Di Stasio dell’Assessorato regionale alle Attività Produttive.
Chiude i lavori l’on. Clemente Mastella, sostenitore della vertenza nazionale dei frantoi oleari nei confronti della Stazione Sperimentale Oli e Grassi (SSOG) di Milano.

Benevento, 3 marzo 2006
Filomena Marotta, addetta stampa A.N.F.O Via Ponticelli, 15 – 82100 Benevento
www.anfonet.org
cell. 3332572199; e-mail: filomena.marotta@libero.it


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.