Autunno musicale 2015 della Nuova Orchestra Scarlatti di Napoli
giovedì 10 dicembre, ore 19.00 Chiesa dei SS. Marcellino e Festo – largo San Marcellino – Napoli
I Virtuosi di San Martino RUMORS Musiche e canzoni di A. Pärt, King Crimson, Bob Dylan,Cherubini-Bixio, P. Ciampi R. Gaetano, The Clash, Brecht-Weill, P. Daniele e altri.
Roberto Del Gaudio voce, rielaborazione e traduzione testi Federico Odling violoncello, rielaborazioni musicali – Vittorio Ricciardi flauto – Francesco Solombrino violino e viola – Carmine Terracciano chitarra. L’ironia, l’intelligenza, il divertimento dei Virtuosi di San Martino per l’ultimo appuntamento dell’Autunno musicale 2015 della Nuova Scarlatti.
Il settimo e ultimo appuntamento dell’Autunno Musicale 2015 della Nuova Orchestra Scarlatti – giovedì 10 dicembre alle ore 19.00, presso la Chiesa dei SS. Marcellino e Festo (Largo San Marcellino, Napoli) – è davvero da non perdere: RUMORS, un nuovo esilarante spettacolo musicale dei Virtuosi di San Martino, l’inimitabile gruppo teatral-musicale partenopeo che dal suo debutto al Teatro Cilea nel 1994 con lo spettacolo Cosima e altre storie, ha inanellato una serie di successi di pubblico e di critica, da Nel nome di Ciccio in poi, attraverso la ricerca di uno stile inconfondibile fondato sullo ‘sprofondamento’ dei generi tradizionali e la scomposizione creativa di ‘cadaveri musicali e teatrali’. Con RUMORS I Virtuosi di San Martino presentano un concerto di cover, cioè di note canzoni che, a vario titolo, fanno parte della storia della cosiddetta ‘musica leggera’: dalle piccole romanze all’italiana al rock progressive, dalla Ballata di Mackie Messer di Kurt Weill a The Wall dei Pink Floyd, dai Clash al Cielo è sempre più blu di Rino Gaetano, da Piero Ciampi a Pino Daniele.
Come affermano gli stessi Virtuosi – Roberto Del Gaudio, voce che ha curato anche la rielaborazione dei testi, Federico Odling, violoncello e autore delle rielaborazioni musicali, Vittorio Ricciardi, flauto, Francesco Solombrino, violino e viola, Carmine Terracciano, chitarra – tutte queste canzoni “ saranno tradotte forzatamente o per gioco in una sala da concerto, raccolte forse dalla radio, o dal perenne rumore di sottofondo imposto dalla nostra epoca, dai diffusori degli aeroporti, dei bar, dei negozi, in un viaggio verso la decostruzione divertita della imponente e sorvegliante colonna sonora del nostro tempo”. Un appuntamento sicuro con il divertimento e l’intelligenza.
Biglietti: San Marcellino € 12 acquistabili presso le prevendite abituali, on line su www.azzurroservice.net e presso le sede del concerto da un’ora prima dell’inizio.
Ufficio stampa Luisa Maradei 333.5903471 luisamaradei@gmail.com
————————————–
sabato 5 dicembre, ore 19.00 Museo Diocesano di Napoli – largo Donnaregina
Giovanni Bononcini La Maddalena ai piedi di Cristo Oratorio per 5 voci e orchestra
Maddalena: Angela Luglio
Amore celeste: Paola Leoci Amore terreno: Anna Lopriore
Fariseo: Stefano Sorrentino Cristo: Carlo Sgura
NUOVA ORCHESTRA SCARLATTI cembalo e direttore Francesco Aliberti
Per l’Autunno musicale 2015 della Nuova Scarlatti, un’occasione unica di ascolto
La Maddalena ai piedi di Cristo, il capolavoro giovanile, ricco di invenzione e di passione,
di Giovanni Bononcini, il grande operista che a Londra sfiderà Händel
Il sesto appuntamento dell’Autunno Musicale 2015 della Nuova Orchestra Scarlatti – sabato 5 dicembre alle ore 19.00, presso il Museo Diocesano di Napoli (Largo Donnaregina) – propone un’occasione unica di ascolto: La Maddalena ai piedi di Cristo, oratorio per 5 voci e orchestra composto nel 1690, a soli 20 anni di età, dal modenese Giovanni Bononcini, colui che di lì a qualche anno, dopo aver trionfato con le sue opere a Berlino e a Vienna, oserà sfidare il sommo Händel sulla scena londinese. Questo capolavoro (di cui la Nuova Scarlatti ha proposto una selezione in prima esecuzione moderna già nel 1999) cattura la platea con un’invenzione inesauribile, che alterna intensi momenti di canto ancora ricchi di finezze madrigalistiche, come nella splendida, ipnotica aria di Maddalena Voglio piangere, a squarci di così incisivo vigore che sembrerà di essere già calati nel grande teatro di Händel (che però nel 1690 aveva appena 5 anni!).
Il testo di Lodovico Forni tratteggia in un’avvincente successione di contrasti il lacerante conflitto interiore di Maddalena, combattuta fra Amore terreno e Amore celeste ai quali, nella seconda parte dell’oratorio, si affiancano rispettivamente un sensuale Fariseo e Cristo in persona.
Maddalena sarà il giovane soprano napoletano Angela Luglio; napoletano anche il tenore Stefano Sorrentino che vestirà i panni del Fariseo, mentre le parti di Amore celeste, Amore terreno, e Cristo sono affidate a tre giovani voci, Paola Leoci, Anna Lopriore, Carlo Sgura, tre allievi del Conservatorio di Monopoli: una partecipazione che dà l’avvio a una collaborazione tra la Nuova Scarlatti e il Conservatorio pugliese. Maestro concertatore delle voci e direttore al cembalo sarà il salernitano Francesco Aliberti, giovane e poliedrica figura di pianista, cembalista, direttore d’orchestra e di coro, compositore. Aliberti ha curato una revisione orchestrale ad hoc che, nel pieno rispetto dell’originale, esalta tutti i colori espressivi di questo capolavoro. Un appuntamento da non perdere. Biglietti: Museo Diocesano € 14 acquistabili presso le prevendite abituali, on line su www.azzurroservice.net e presso le sedi dei concerti da un’ora prima dell’inizio. ufficio stampa Luisa Maradei 333.5903471 luisamaradei@gmail.com
——————————–
sabato 28 novembre, ore 19.00 Museo Diocesano di Napoli – largo Donnaregina Oratorio ‘Moondog’ideato da Federico Odling
Musiche di Louis Thomas Hardin – Ensemble vocale I VANDALIA – diretto da Lucio Maria Lo Gatto
NUOVA ORCHESTRA SCARLATTI direttore Federico Odling (nella foto).
Novità assoluta per l’Autunno musicale 2015 della Nuova Scarlatti
Un inedito Oratorio ‘laico’ per scoprire uno straordinario outsider della musica del XX secolo
Il quinto appuntamento dell’Autunno Musicale 2015 della Nuova Orchestra Scarlatti – sabato 28 novembre alle ore 19.00, presso il Museo Diocesano di Napoli (Largo Donnaregina) – propone una novità assoluta, in grado di attirare un pubblico ben più ampio di quello tradizionale della musica classica: Oratorio ‘Moondog’, perfomance musicale ideata e realizzata da Federico Odling, con la collaborazione di Lucio Maria Lo Gatto: potremo ascoltare per la prima volta in elaborazioni inedite alcune delle più suggestive invenzioni di uno dei più singolari e affascinanti personaggi della musica americana del XX secolo: Louis Thomas Hardin (1916-1999), detto ‘Moondog’, poeta, cosmologo, inventore di strumenti e musicista di strada, il ‘Vichingo della 6a Avenue’ che trasformò per anni un marciapiede di New York nel celebre ‘Moondog’s Corner’, teatro delle sue leggendarie esibizioni. Moondog, grande outsider della cultura newyorkese novecentesca (ma nutrito di vincoli profondi con la Vecchia Europa continentale, tant’è che trascorrerà in Germania gli ultimi decenni della sua vita) è stato una figura di riferimento per i massimi esponenti del minimalismo americano, da Philip Glass a Steve Reich, come anche per gruppi cult del cosiddetto ‘post-rock’ europeo come gli Stereolab o i Moonshake.
La Nuova Orchestra Scarlatti, in formazione cameristica, sarà affiancata per l’occasione dai I Vandalia, versatile gruppo vocale partenopeo, fondato e diretto da Lucio Maria Lo Gatto, in grado di reinterpretare in modo originale un repertorio spaziante dalla villanella al reggae. Dirige il concerto l’ideatore di questo singolare Oratorio ‘laico’, Federico Odling, poliedrica figura di ricercatore, compositore, violoncellista genovese trapiantato a Napoli, uno dei fondatori dei Virtuosi di San Martino. Dichiara Odling a proposito di Oratorio ‘Moondog’: “L’intenzione è quella di proporre al pubblico tutto il fascino di un linguaggio semplice ma al contempo estremamente raffinato. A partire dagli H’art Songs del 1978 che ho trascritto e strumentato per un ensemble strumentale e un coro di voci naturali, unendoli ad altri frammenti musicali, particolari canoni e frammenti di testi poetici”. Un appuntamento da non perdere.

Biglietti: Museo Diocesano € 14 acquistabili presso le prevendite abituali, on line su www.azzurroservice.net e presso le sedi dei concerti da un’ora prima dell’inizio.
Ufficio stampa Luisa Maradei 333.5903471 luisamaradei@gmail.com
———————————————————————–
sabato 21 novembre, ore 19.00 Chiesa dei SS. Marcellino e Festo – largo San Marcellino – Napoli Mozart / Beethoven – W. A. Mozart Quartetto per archi n. 15 in re min. K. 421 – L. van Beethoven Quartetto per archi n. 10 in mi bem. magg. «Delle arpe» op. 74 QUARTETTO ‘MITJA’ violini Giorgiana Strazzullo, Sergio Martinoli viola Carmine Caniani violoncello Alessandro Mazzacane
Per l’Autunno musicale 2015 della Nuova Scarlatti
grande musica da camera a San Marcellino con il Quartetto ‘Mitja’
Quarto appuntamento dell’Autunno Musicale 2015 della Nuova Orchestra Scarlatti, sabato 21 novembre alle ore 19.00, nella splendida location della Chiesa dei SS. Marcellino e Festo di Napoli (largo San Marcellino). Dopo i calorosi applausi che hanno coronato il concerto dell’11 novembre scorso, torna a San Marcellino il Quartetto Mitja, la giovane formazione campana, già ricca di riconoscimenti anche in campo internazionale, parte dei cui componenti è cresciuta musicalmente nelle file della Nuova Scarlatti. Il Mitja propone stavolta due pezzi forti del grande repertorio cameristico: il Quartetto per archi n. 15 in re minore K. 421 di W. A. Mozart, una delle più meditate creazioni del Salisburghese, “il più perfetto, drammatico e appassionato” dei suoi Quartetti, secondo Massimo Mila, attraversato da una malinconia febbrile che già evoca lo spirito di Don Giovanni, e il Quartetto per archi n. 10 in mi bemolle maggiore op. 74, detto «Delle Arpe», di Ludwig van Beethoven: una singolare oasi di serenità tra l’esplosione dell’op. 59 e gli abissi degli ultimi Quartetti, attraversata a tratti da anticipazioni romantiche, come nello splendido Presto che anticipa il più luminoso Mendelssohn.
Biglietti: San Marcellino € 12 acquistabili presso le prevendite abituali, on line su www.azzurroservice.net e presso le sedi dei concerti da un’ora prima dell’inizio.
Ufficio stampa Luisa Maradei 333.5903471 luisamaradei@gmail.com
—————————————————————————
mercoledì 11 novembre, ore 19.00 Chiesa dei SS. Marcellino e Festo – largo San Marcellino – Napoli Da Brahms a Piazzolla Musiche di J. Brahms, F. Schubert, D. Šostakovič, A. Piazzolla, T. Esposito
QUARTETTO ‘MITJA’ violini Giorgiana Strazzullo, Sergio Martinoli viola Carmine Caniani violoncello Alessandro Mazzacane
venerdì 13 novembre, ore 20.30
Museo Diocesano di Napoli – largo Donnaregina
Serenate W. A. Mozart Cassazione K. 99 – J. Brahms Serenata op. 11 per orchestra
NUOVA ORCHESTRA SCARLATTI direttore Beatrice Venezi
Secondo appuntamento dell’Autunno Musicale 2015 della Nuova Orchestra Scarlatti, mercoledì 11 novembre alle ore 19.00, nella preziosa cornice della Chiesa dei SS. Marcellino e Festo di Napoli (largo San Marcellino), con un vario e sostanzioso programma cameristico eseguito dal Quartetto Mitja, giovane ensemble in ascesa i cui componenti sono cresciuti musicalmente all’interno della Nuova Scarlatti. Il Mitja proporrà il Quartetto per archi in do minore op. 51 n. 1 di Brahms, un capolavoro pieno di slancio e di colori, poi lo splendido, coinvolgente Quartettsatz in do minore di Schubert, una deliziosa polka di Šostakovič, l’indimenticabile Oblivion di Astor Piazzolla e infine un’originale Fantasia napoletana del M.° Tonino Esposito, docente del Conservatorio di Napoli scomparso nel 2008, arrangiatore e compositore di musica anche per il cinema, il varietà, la tv, che ha dedicato questo medley di popolari melodie (dalla Tarantella di Rossini ad Anema e core) proprio al Quartetto Mitja.
Terzo appuntamento dell’Autunno Musicale 2015 della Nuova Orchestra Scarlatti, venerdì 13 novembre alle ore 20.30, presso il Museo Diocesano di Napoli (largo Donnaregina). Torna sul podio della Nuova Scarlatti la lucchese Beatrice Venezi, giovane talento – non solo direttrice già a 25 anni, ma anche pianista, compositrice, ricercatrice musicale – che il pubblico della Nuova Scarlatti ha avuto modo di apprezzare e applaudire l’anno scorso nella Seconda serenata di Brahms. Ora la Venezi torna a completare il dittico dirigendo la Serenata n. 1 in re maggiore op. 11 per orchestra, capolavoro giovanile in cui Brahms, poco più che ventenne, affronta l’orizzonte sinfonico con una straordinaria ricchezza di idee e colori affascinanti, rinnovando il ‘miracolo’ della Nachtmusik settecentesca. Suggestivo, in tal senso, sarà l’accostamento in programma con alcune pagine della Cassazione K. 99 di W. A. Mozart , intrise della poetica atmosfera delle notti viennesi.
Biglietti: San Marcellino € 12 – Museo Diocesano € 14 acquistabili presso le prevendite abituali, on line su www.azzurroservice.net e presso le sedi dei concerti da un’ora prima dell’inizio.
Ufficio stampa Luisa Maradei 333.5903471 luisamaradei@gmail.com

Categorie: Eventi

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.