25/11/2005 – 17:30
NAPOLI: CAPITALE DEL MEDITERRANEO PER TRE GIORNI, SI UNISCE A BARCELLONA
(AGE) NAPOLI – La città si unisce a Barcellona nell’ambito del Decennale del partnerariato euro-mediterraneo . A partire da domani e sino al 28 novembre le strade partenopee saranno teatro di spettacoli, concerti e varie iniziative atte a sensibilizzare i giovani, e non solo, sul dialogo interculturale tra i paesi del Mediterraneo. Evento principale sarà la tavola rotonda “Dialoghi Mediterranei; l’incontro come deterrente allo scontro” che si svolgerà lunedì 28 novembre a cui parteciperanno Farhi Catherine, giornalista del Nouvelle Observateur, docente all’Università di Mentone, Fabio Alberti, Presidente dell’Associazione Un Ponte Per, Fabio Pollice, professore di Geografia Economica presso l’Università degli Studi di Lecce e presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, Yacine Tassadit, professoressa presso la Maison des Hautes Sciences Sociales di Parigi, antropologa, giornalista e scrittrice, autore dei Cahiers sur la Mediterranée e direttrice della rivista AWAL, Jadelin Gangbo, scrittore edito da Feltrinelli. Ad anticipare l’incontro saranno Eugenio Bennato & i Taranta Power che, domenica 27 novembre presso la Galleria Principe di Napoli, presenteranno il concerto “Euromediterraneo per il dialogo tra i giovani e le culture” che si ascrive nell’ambito delle manifestazioni per il decennale del “partnerariato euro-mediterraneo”, evento organizzato dalla Fondazione Mediterraneo, che si concluderà il 28 Novembre 2005 a Barcellona, con la riunione di 35 capi di Stato e di Governo. Per tre giorni Napoli sarà animata da spettacoli di mimi, concerti jazz, di musica classica e tanta tradizione, con paranze e tarante che avranno come protagonisti Carlo Faiello, Luna Calante, Il cerchio magico e L’agonie du quatrieme che si esibiranno il 26 novembre. Per il 27 novembre sono previste le esibizioni dei giovani gruppi Las Nigas (Barcellona), Zona Briganti (Calabria) e Rione Junno (Gargano), con il progetto “New flamenco New taranta”. Durante la tre giorni napoletana, Piazza Dante sarà proclamata Piazza dell’Interculturalità, grazie al Coordinamento delle ONG Campane. Proprio quest’anno Intercultura festeggia 50 di attività, con celebrazioni che si svolgono in tutta Italia sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri, a cui si uniscono, per le varie manifestazioni organizzate dai volontari di Napoli, anche i patrocini della Commissione europea, della Regione Campania, della Provincia di Napoli, del Comune di Napoli e della Fondazione Mediterraneo – Maison de la Mediterranee.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.