COMUNICATO STAMPA
L PARTITO “PARTECIPAZIONE E SOLIDARIETA’ ”
APPOGGIA PRODI ALLE PRIMARIE
Anche “Partecipazione e solidarietà”, il neonato partito sorto da un’intuizione dell’avvocato Michele Spina, scende in campo in vista delle primarie del centro sinistra di domenica prossima. Ed ovviamente il nuovo movimento politico fedele ai suoi ideali ed ai suoi principi non può che appoggiare nella sua rincorsa alla leadership della coalizione progressista, Romano Prodi. Non a caso lo stesso ideatore e leader di” Partecipazione e solidarietà”, rimarca “la sintonia di ideali e di linee politico programmatiche fra il nostro movimento e l’azione portata innanzi già da molti anni dal professor Prodi. Anche noi come il leader dell’Unione- prosegue nella sua disamina Spina- coerentemente e non senza fatica stiamo cercando di unire le diverse istanze ed esigenze che ci vengono dalle svariate anime del riformismo italiano, cercando di far sì che possano essere una volta e per tutti essere messi da parte piccoli steccati particolaristici onde credere e lavorare tutti per un grande progetto che ha un unico grande obiettivo: dare quelle risposte che tutti gli italiani da molto tempo attendono. Insomma sosteniamo e sosterremo Prodi perché vediamo in lui quel leader realmente in grado di guidare il centro sinistra e l’intero Paese verso traguardi ed obiettivi prestigiosi, che ci consentano di recuperare anche a livello internazionale quello status di rango negli ultimi anni irrimediabilmente perso per colpa delle scelte a dir poco dissennate dell’esecutivo Berlusconi. Con un Prodi uscito ancora di più rafforzato dall’esperienza delle Primarie, crediamo che realmente si possano creare le condizioni strutturali per quell’incontro fra quanti provengono dall’area socialdemocratica, da quella cattolica riformista, e quanti invece provengono da un’esperienza maggiormente liberale, che mai come in quest’occasione hanno la possibilità di unire le rispettive forze e pesare ancora di più nelle scelte future. Solo così credo che si possa cercare di rispondere alle reali esigenze di un Paese, come l’Italia, dove ormai è diffusa in larghi strati della popolazione una situazione di malessere che crea anche un clima di sfiducia nelle istituzioni e nella politica in genere, che certamente non giova al consolidamento ed allo sviluppo della democrazia. Onde evitare un’ulteriore deriva bisogna tutti rimboccarsi le maniche e cominciare a fare qualcosa di concreto, e noi come tanti altri siamo sinceramente convinti che questo sarà possibile solo se l’Unione sarà guidata da un leader autorevole, indiscusso e di prestigio come Romano Prodi. Per questo i nostri militanti e simpatizzanti stanno profondendo notevoli energie per dargli il maggior sostegno possibile in un passaggio tanti delicato come sono le primarie”.
Elpidio Iorio [elpidioiorio@libero.it]


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.