In riferimento all’accordo bipartisan raggiunto al Consorzio rifiuti GeoECo, di seguito si riporta una dichiarazione del vice sindaco di Sant’Arpino Elpidio Del Prete (Ds).
“L’accordo istituzionale raggiunto al Consorzio GeoEco e che ha avuto tra gli altri anche il benestare del Comune di Sant’Arpino pone non poche perplessità sulla valenza tecnico – giuridica, sul piano etico e più ancora sul piano politico. Per prima cosa mi spiace e non poco rilevare dalla stampa a giochi fatti, il raggiungimento di un’intesa all’ex consorzio Ce2 già da qualche giorno senza che nessuno di noi dall’Amministrazione di Sant’Arpino sapesse alcunché in quanto non si è fatta nessuna riunione sull’argomento. Un fatto grave se si pensa che fin dalla sottoscrizione degli accordi pre elettorali è stato precisato al sindaco Savoia che per quanto delegato dalla legge a rappresentare il nostro Comune nei diversi enti, ogni decisione di una certa valenza da prendere in seno agli stessi enti si sarebbe dovuta condividere con l’intera coalizione. Purtroppo ciò non è stato fatto e credo che questa mancanza oggi crea non pochi malesseri e soprattutto necessità di chiarimenti. Come se ciò non bastasse, si deve inoltre chiarire il senso della nostra adesione alla luce della recente costituzione della Multiservice “EcoAtellana ”. Questo ente strumentale ha quale socio unico il Comune di Sant’Arpino e nasce per gestire, in particolare, il servizio di raccolta dei rifiuti. Il Consorzio dal conto suo trova proprio in questo servizio la sua unica fonte di sostentamento economico. E proprio in questa in fase consorzio, stante a quanto dicghiarrto dai revisori dei conti, versa in uno stato a dir poco criticoe tale da compromettere il suo futuro. Dunque il Comune di Sant’Arpino che oggi ha il sindaco nel CDA che fa? Fa concorrenza a se stesso? E sempre sulla incompatibilità dei ruoli mi chiedo come si fa ad essere al tempo stesso sindaci con funzioni di controllo sull’operato del Cda ed al tempo stesso essere sindaci componenti del Cda? Sono solo alcuni esempi che come dicevo in premessa rendono urgente un chiarimento tra tutte le forze politiche locali dell’intera coalizione di governo al fine di verificare la sussistenza di correttezza e lealtà tra tutte le parti in gioco”


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.