7 gennaio 2006 – In riferimento all’intervento del vice sindaco di Sant’Arpino Elpidio Del Prete (Ds) sull’adesione del Comune di Sant’Arpiuno all’accordo bipartisan raggiunto alla GEOECO, di seguito si riporta una dichiarazione del segretario locale dei Democratici di Sinistra Raffaele Cammisa. “La posizione espressa sulla stampa dal compagno vicesindaco e capo della nostra delegazione in Giunta, Elpidio Del Prete, trova piena condivisone da parte del sottoscritto per le perplessità politiche e procedurali sollevate. Non credo che si sia voluto o che si voglia mettere in discussione l’accordo “istituzionale” raggiunto dalle segreterie provinciali. Ma piuttosto credo che si voglia ristabilire correttezza e lealtà nei rapporti politici tra il sindaco e tutte le forze politiche che compongono la coalizione di maggioranza a Sant’Arpino. Non è infatti pensabile che su un passaggio così delicato, quale quello dell’adesione del nostro Comune all’accordo bipartisan alla GeoEco, non vi sia stato neanche un passaggio di informazione da parte del sindaco agli amministratori e ai partiti. Eppure oggi si scopre che la trattativa è andata avanti da alcuni mesi prima di arrivare all’epilogo dell’altro giorno. Concordo e confermo quanto sostenuto dallo stesso vicesindaco Del Prete sul fatto che per quanto sia prerogativa del sindaco rappresentare il Comune negli enti sia altrettanto vero che uno dei punti cardini della mediazione politica che portò alla candidatura a sindaco di Savoia, fu proprio quello della condivisone delle decisioni da assumere negli enti con le forze politiche della coalizione. Oggi più che mai si avverte la necessità che la politica ritorni al centro del dibattito. Non si può negare che il disagio oggi espresso da Del Prete e in passato da altri, sia un chiaro segnale di allarme sul quale dobbiamo fermarci a riflettere per portare avanti con forza e convinzione questa esperienza amministrativa. Credo che si debba convocare urgentemente un tavolo chiarificatore tra il sindaco e i partiti di maggioranza per affrontare con saggezza e spirito costruttivo tale disagio. Occorre moderazione e ponderatezza in questa fase e non decisioni istintive che per quanto mi riguardano non portano da nessuna parte. Sento dire da più parti, ad esempio, che il sindaco intende revocare la delega a Del Prete. Mi voglio augurare che sia una cosa infondata perché Del Prete riveste in giunta un ruolo che s’inquadra in un accordo politico complessivo e, quindi, non esprime posizioni personali ma politiche. Dal sindaco, invece, attendo presto la convocazione di un incontro che rilanci il dialogo e riporti la serenità tra tutti i soggetti politici che si prodigano per il bene di Sant’Arpino”.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.