A settembre la preparazione dei campi, dell’orto e dei frutteti. Le piante in casa.
Togliere le foglie secche, bagnare e concimare le piante dopo le vacanze di agosto. Metterle all’esterno ma al riparo dalla luce del sole, si riprenderanno per ripetere la fioritura. Sul terrazzo stanno fiorendo i crisantemi mentre andando in cantina dopo la vendemmia e la torchiatura , il mosto gorgoglia per la fermentazione emettendo uno strano rumore e per questo si dice che respiri. Sarà interessante farlo scoprire ai bambini perché rappresenta una lezione dal vivo di biologia. Alla fine di settembre, dopo la raccolta del granoturco. Interrare gli stocchi residui nel terreno, si eviteranno attacchi di Piramide, una farfalla parassita, l’anno successivo r si migliorerà la struttura del terreno. Le rose, se sono state potate dopo la prima fioritura, ritorneranno a sbocciare. Nelle dalie e crisantemi lasciare solo il bocciolo centrale ed asportare i getti laterali. Seminare gli spinaci ibridi, il radicchio, la lattuga invernale e i finocchi. Trapiantare i cavolfiori e cavolini di Bruxelles, concimandoli abbondantemente e cospargendone le foglie di venere contro gli attacchi del bruco. Due-tre settimane prima della vendemmia per facilitare la maturazione dei grappoli togliere le eventuali foglie di vite che li ricoprono. Esse oscurano la luce del sole e creano un microclima umido e dannoso.

Categorie: Il Contadino

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.