Continua da martedì 23 dicembre, a partire dalle ore 19,30 al Centro Storico di Agropoli la tanto discussa edizione del Natale al Borgo “Aspettando Ibrahim” (in programma dal 23 al 6 gennaio), una lettura rivoluzionaria della natività nel segno del linguaggio interculturale. L’iniziativa, che ha la direzione artistica di Maria Grazia Caso ed è promossa Comune di Agropoli, Assessorato alla Cultura e al Turismo, è organizzata dall’Associazione “Amici del Centro Storico” in collaborazione con la Provincia di Salerno e dal Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano e l’Associazione Algerina “El Waime”. Un’unica tenda, progettata dallo scenografo Pippo Carosetti, sarà il filo conduttore di un percorso ideale e materiale di apertura e di confronto tra mondi diversi. Luoghi comunicanti che abbattono le chiusure e i pregiudizi ed un piccolo borgo che si apre a un paesaggio che rinasce sia come luogo mentale nell’ottica dello scambio, sia come recupero e valorizzazione delle tipicità locali, trasformandosi in un villaggio berbero dove il pubblico potrà vedere, sentire e partecipare come avverrà anche in occasione dell’annunciata visita dell’Imam di Salerno. “Aspettando Ibrahim” ha un cartellone ricco di eventi in cui sono previste degustazioni, esposizioni, arte e cinema potranno essere seguite attraverso dei percorsi comunicanti evidenziati da colori. Tra gli appuntamenti la mostra “Segni di sabbia” di Augusto Pandolfi e lo spettacolo già svolto il 26 dicembre “Arie” della coreografa leccese Patrizia Rucco, allieva di Pina Bausch.

Categorie: Eventi

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.